venerdì 18 agosto 2006

Finché la Topolino va lasciala andare


Paolo Rumiz è un grande giornalista e viaggiatore, per questo un po' lo invidio.
E poi lo invidio ancora di più perché è almeno 3 anni che si fa le vacanze a spese di Repubblica, regalandoci dei bellissimi reportage tra l'altro: nel 2004 in barca a vela fino a Lepanto, la scorsa estate sulle tracce della cristianità in Medioriente fino a Gerusalemme. Quest'anno ha lasciato perdere l'oriente per intraprendere un viaggio in Topolino (non il fumetto Disney of course, bensì la mitica macchina dall FIAT) lungo gli Appennini, partendo dalla Liguria con direzione sud lungo la penisola, standosene rigorosamente al di fuori delle rotte turistiche. Io ci darei un'occhiata perché è decisamente interessante.

2 commenti:

robertolunico ha detto...

rumiz per me è quello che si può definire un viaggiatore. anni fa fece la grande diagonale (Trieste - Istambul) in bicicletta con Rigatti e Altan, un viaggio e un modo di viaggiare dal sapore anarchico.
pao, prenditi una bici che partiamo!

chad palomino ha detto...

o so o so... di rumiz leggiti anche "è oriente", un bel libro di 4-5 anni fa.